Il Messaggero – ING Italia. Smart working super flessibile per ogni dipendente

ING Italia si annuncia come prima banca in Italia a lanciare un modello di smart working a super-flessibilità, i dipendenti avranno la massima libertà su come poter organizzare il lavoro in base alle esigenze personali e professionali. Qui l’articolo completo: https://www.ilmessaggero.it/home/ing_italia_smart_working_super_flessibile_per_ogni_dipendente-5434457.html

NicolaPorro.it – 5 motivi per essere favorevoli allo smart working

“Lo smart working può funzionare in momenti e occasioni speciali, ma non può diventare né la regola generale né il futuro, a meno che non si vogliano massacrare commercio e servizi, desertificando quartieri e città col rischio di diminuire perfino la sicurezza”. L’ha detto sabato Matteo Salvini, leader della Lega. …

la Repubblica – Il paradiso dello smart working

Ho trascorso l’estate girando per l’Italia alle prese con il coronavirus. Ho visto località balneari rinomate dove la sera un altoparlante ogni dieci minuti ci ricordava di indossare la mascherina e mantenere le distanze dagli altri; ristoranti turistici dove fino all’anno scorso neanche potevi pagare con la carta di credito, …

Il Fatto Quotidiano – Il vero smartworking presuppone una rivoluzione: non le ore alla scrivania ma obiettivi

A meno di due settimane dalla riapertura delle scuole e con i dati dei contagi in risalita netta, si riaccende il dibattito sullo smart working. Il lavoro agile, disciplinato dalla legge 81/2017, è stato il viatico per attraversare il lungo lockdown, ma come ne siamo usciti? Intanto con un travisamento …

L’Economia, Corriere della Sera – Due giorni in ufficio, tre a casa: Tim sigla l’accordo per lo smart working anche dopo il Covid

Il gruppo Tim pensa al post Covid e, prima grande azienda in Italia, riorganizza il lavoro in ottica smart working anche dopo l’emergenza sanitaria e per tutto il 2021. Qui per leggere l’articolo: https://www.corriere.it/economia/lavoro/20_agosto_05/due-giorni-ufficio-tre-casa-tim-sigla-l-accordo-lo-smart-working-anche-il-covid-00621ac2-d725-11ea-93a6-dcb5dd8eef08.shtml

Wired – Qualche consiglio per fare vero smart working da settembre

Dopo la fase 2 della pandemia, a breve entreremo anche in quella dello smart working. Mai come ora si è parlato di questa modalità di lavoro, evidenziandone limiti e virtù. Ma certamente quello che la quasi totalità delle persone ha fatto non è il vero smart working, quanto più un …

Il Sole 24 Ore – Il lavoratore in smart working non ha diritto al buono pasto

Il dipendente che, post Covid-19, è rimasto a lavorare in smart working, non ha diritto a ricevere il buono pasto, nonostante i propri turni di lavoro includano la fascia oraria del pranzo.Guarda il video su Il Sole 24 Ore: https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/il-lavoratore-smart-working-non-ha-diritto-buono-pasto/ADIGi6d

La7.it – Smart working, Elsa Fornero: “Più il lavoro è in remoto, meno facile è controllare”

Elsa Fornero: “L’aumento della disuguaglianza non nasce con la pandemia, ma è una tendenza di lungo termine. La pandemia ha accentuato la differenza tra chi ha potuto lavorare in smart working e chi no”. Sullo smart working: “Il settore privato ha molti più mezzi per controllare il lavoro, mentre nel …

Il Sole 24 Ore – Smart working, il lavoratore (anche turnista) non ha diritto al buono pasto

Il quesito. A seguito dell’emergenza sanitaria ho cominciato a lavorare in smart working nella mia azienda con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Sono un impiegato addetto al servizio call center della gestione emergenze. Lavoro con un sistema di turnazione che, allorché mi recavo in azienda, mi dava diritto al …

Il Foglio – La differenza tra divano e smart working. La rivoluzione che manca al lavoro pubblico

C’è una particolare lettera dell’alfabeto che da qualche tempo a questa parte i principali osservatori economici scrutano con attenzione. Quella lettera, cruciale, corrisponde alla lettera “V” ed è una lettera da cui passa semplicemente il futuro del paese. Fino a qualche tempo fa, dicevi “V” e pensavi al vaffa di …